Convegno Interregionale - La condizione articolare dell'emofilico sotto la lente d'ingrandimento

GENOVA, 17 MAGGIO 2024

STAR HOTEL PRESIDENT - Corte Lambruschini, 4
condividi sui social
Convegno Interregionale - La condizione articolare dell'emofilico sotto la lente d'ingrandimento - Genova, 17 Maggio 2024

L’evento è accreditato per:
MEDICO CHIRURGO specialista in:
ortopedia e traumatologia; medicina trasfusionale; patologia clinica (laboratorio di analisi chimico-cliniche e microbiologia); radiodiagnostica; medicina generale (medici di famiglia); pediatria (pediatri di libera scelta); direzione medica di presidio ospedaliero; organizzazione dei servizi sanitari di base; privo di specializzazione; ematologia; geriatria; medicina fisica e riabilitazione; medicina interna; medicina dello sport; pediatria

FISIOTERAPISTA

INFERMIERE

INFERMIERE PEDIATRICO

TECNICO ORTOPEDICO

TECNICO SANITARIO LABORATORIO BIOMEDICO

TERAPISTA DELLA NEURO E PSICOMOTRICITÀ DELL'ETÀ EVOLUTIVA

FARMACISTA: farmacista pubblico del ssn; farmacia territoriale; farmacista di altro settore

PSICOLOGO: psicologia

BIOLOGO

N. PARTECIPANTI: 50

CREDITI FORMATIVI: 6

 

L’emofilia è una rara (si contano circa 5.000 pazienti in Italia) Malattia Emorragica Congenita, legata a carenza di fattore VIII (Emofilia A) o IX (Emofilia B), causata da varianti genetiche localizzate sul cromosoma X; per questo, in genere, i soggetti di sesso maschile esprimono il fenotipo emorragico e le femmine con il difetto genetico sono portatrici.
Il quadro clinico è dominato dalle emorragie a livello muscolo-scheletrico e, ancor di più, da quelle a livello articolare: gli emartri.

Nelle ultime decadi, si è assistito a un enorme progresso nella disponibilità di prodotti per il trattamento e soprattutto la prevenzione delle manifestazioni emorragiche dell’emofilia; ciò nonostante, lo sviluppo di complicanze muscoloscheletriche rimane ancora un problema. Pertanto l’Emofilia non è solo una patologia di interesse ematologico, ma una condizione che richiede una gestione multidisciplinare con il supporto soprattutto di ortopedici, fisiatri e fisioterapisti.
Inoltre, in base alla letteratura, oltre un terzo dei pazienti vede peggiorare la propria condizione articolare con l’età, per cui la riabilitazione, con la terapia antiemorragica e la chirurgia ortopedica, costituisce uno dei capisaldi della gestione di questa malattia rara per la conservazione della funzione muscoloscheletrica.
Alcuni pazienti hanno la necessità di sottoporsi ad interventi di chirurgia ortopedica maggiore per l’impianto di protesi totale delle principali articolazioni colpite dalle emorragie (ginocchia, gomiti e caviglie). In questi casi, il trattamento riabilitativo rappresenta il necessario proseguimento del trattamento chirurgico dell’artropatia emofilica: non è possibile pensare ad un intervento di artroprotesi, senza un successivo adeguato periodo di riabilitazione.
Con questo corso, si vogliono fornire a tutti i professionisti che possano trovarsi a gestire un paziente coagulopatico con complicanze muscoloscheletriche le conoscenze essenziali per affiancare gli specialisti nella gestione della artropatia emofilica.

logo CTP srl

Caricamento in corso…