Il sistema endocannabinoide all'interfaccia tra effetti sintomatici ed effetti modificanti il decorso della Sclerosi Multipla

Dal 18 APRILE 2024 al 18 APRILE 2024

condividi sui social
Il sistema endocannabinoide all'interfaccia tra effetti sintomatici ed effetti modificanti il decorso della Sclerosi Multipla - Milano, 18 Aprile 2024

L’evento è accreditato per:
MEDICO CHIRURGO specialista in:
neurologia

N. PARTECIPANTI: 20

CREDITI FORMATIVI: 6

 

La comprensione sempre più ampia dei meccanismi alla base della patogenesi della Sclerosi Multipla (SM) ha permesso di chiarire il ruolo dell'immunità innata e adattiva nello sviluppo della malattia, consentendo l'introduzione di terapie farmacologiche efficaci nel contrastare il processo infiammatorio e neurodegenerativo, modificando quindi la storia naturale della malattia. Questi nuovi farmaci, noti come DMTs (disease-modifying therapies) sono oggi il mainstay del trattamento della SM e sono spesso utilizzati in associazione a terapie sintomatiche, in grado di migliorare alcune manifestazioni specifiche della malattia.
Recenti evidenze cliniche, anatomiche, farmacologiche e neuropsicologiche indicano inoltre come l'intero sistema endocannabinoide dei pazienti con patologie neuroinfiammatorie sia disregolato. Sebbene fino a poco tempo fa si credesse che i DMTs e i farmaci sintomatici agissero su processi patologici indipendenti, studi recenti hanno dimostrato la capacità di entrambe le classi di farmaci di intervenire in modo attivo sulla neuroinfiammazione e sulla neurodegenerazione e di migliorare inoltre alcuni sintomi ritenuti esiti immodificabili del danno ormai stabilizzato.
I modulatori del sistema endocannabinoide, grazie alla loro rilevante capacità di inibire gli effetti della neuroinfiammazione e favorire inoltre l’instaurarsi di meccanismi neuroprotettivi, possono modificare il decorso della malattia – il che li identifica come farmaci non solo sintomatici, ma potenzialmente disease modifying. È quindi evidente la necessità di introdurre un nuovo concetto teorico e operativo, quello di disease-modifying symptomatic treatment (DMST), che metta in evidenza come trattamenti ritenuti puramente sintomatici siano al contrario in grado di intervenire a supporto e completamento della terapia con i classici DMTs, agendo con essi sinergicamente nella regolarizzazione del processo neuroinfiammatorio e neurodegenerativo.
La FAD Sincrona si pone l’obiettivo di favorire l’aggiornamento scientifico e lo scambio di esperienze tra specialisti neurologi sul ruolo del sistema endocannabinoide in fisiologia e in corso di SM e sugli effetti antiinfiammatori e neuroprotettivi della sua modulazione farmacologica. Questo incontro vede il confronto fra un numero ridotto di esperti per permettere il massimo dell’interattività.

vedi programma iscriviti
Con la sponsorizzazione non condizionante di
Logo Almirall S.p.A.
logo CTP srl

Caricamento in corso…